Camelia Japonica

acidofila

 

La Camelia Japonica è originaria del Giappone, della Cina e della Corea dove cresce allo stato naturale sulle pendici delle foreste sud-tropicali ad alto fusto. 

Questa pianta raggiunse l’apice del suo successo in Italia nell’800, trovando il suo habitat d’adozione nelle zone a clima mite ed umido.

La Camelia è  uno degli arbusti sempreverdi più popolari, ha graziose foglie lucenti, cuoiose, di colore verde scuro. La C. Japonica fiorisce fra  febbraio e marzo, i fiori possono essere  semplici, semidoppi o doppi, in tutte le sfumature di bianco, rosa, rosso. 

Fra le Camelie, la Japonica è la varietà più rustica.

Non ama i terreni calcarei, predilige quelli acidi e torbosi che si mantengono freschi in estate.

L’esposizione migliore è soleggiata nei luoghi freddi o la leggera ombra dei luoghi più caldi. La messa a dimora deve avvenire in posizioni riparate dal gelo e dai venti freddi che potrebbero ustionarla. 

Le Camelie possono essere coltivate anche in vaso, particolarmente adatte sono le varietà a fioritura precoce.

La prima Camelia giunta in Europa fu una specie cinese, arrivò nel XVII secolo non per scopi ornamentali, ma in forma di foglie sbriciolate, il tè